CERCA
FORMAZIONE


caosinforma 131


Leggi la versione in pdf



L'Agenda 2019 

del Centro La Tenda


scaricala in pdf


L'agenda online del Centro la Tenda 


caosagenda.wordpress.com

Leggi l'introduzione


caosinforma online



Sfoglia gli altri  caosinforma


Scarica  tutti i caosinforma in pdf


 www.caosinforma.it


caosinforma giovani 33



Scarica l'abecedario familiare in PDF


La Tenda  su facebook



caosinforma INCONTRA 

Le interviste di caosinforma

scarica caosinforma incontra  in pdf


L'AGENDA  2018 

 DEL CENTRO LA TENDA


scarica l'agenda 2018 in pdf



GLI SPOT VINCITORI EDIZIONE 2018





PREMIO MIGLIOR SPOT...2018  

Il futuro,  la mia passione  

I RAGAZZI DEL QUARTIERE


PREMIO SPECIALE COMPAGNIA DEGLI AMICI PER LA SOLIDARIETA' 

UN OCCHIO AL FUTURO
3G SABATINI-MENNA



PREMIO SPECIALE ENRICO GRECO PER L'ORIGINALITA' 


CHE COSA RESTA   

 FFG


PREMIO UNO SPOT PER...LA SCUOLA  

Dici che torneremo a guardare il cielo 

 LICEO ALFANO I


il blog



I DATI DEL SERVIZIO ARIANNA

Servizio di orientamento per i detenuti tossicodipendenti in carcere 


LA TENDA: una storia dai mille volti


IMMIGRAZIONE

parole e fatti


Il pensiero della sera 

segui caosinforma  su twitter

twitter.com/caosinforma


 segui caosinforma su facebook


segui caosinforma sul blog 

caosinformablog.blogspot.it



IL SERVIZIO ULISSE PSICODIAGNOSI E PSICOTERAPIA INTEGRATA


TRACCE  DI INTEGRAZIONE

Esperienze di integrazione del

 Centro La Tenda

LA TENDA E LA COMUNICAZIONE SOCIALE 


Il blog di FIERAVECCHIA FAMIGLIA


presenta

LO SCAFFALE

I prodotti multimediali di caos 


In versione pdf

il Blog de Lo scaffale


  IMMAGINARIAMENTE


Il materiale didattico


skype:live:mario.scannapieco_2?call


   

PROGETTO GIOVANI

UNO SPOT PER 
nona edizione


UNO SPOT PER 

nona edizione
leggi il regolamento



caosinforma giovani n.31

FIERAVECCHIA IN RIVA AL MARE


CAOSINFORMA GIOVANI 26



LE INIZIATIVE   DEL PROGETTO GIOVANI

ESTATE UTILE A FIERAVECCHIA 2016

I LABORATORI GRATUITI
  scrittura creativa

v. anche caosinforma giovani n.26


LA SETTIMANA DELLO SPORT



CORSO DI DISEGNO 


LEGGI IL REGOLAMENTO E PARTECIPA ANCHE TU!


 FOTOGRAFIA CREATIVA





per info e iscrizioni
  progettogiovani@centrolatenda.it
tel 089228038
La Tenda a Fieravecchia, 
via Fieravecchia,20, Salerno

CERCA
LE SEDI
LE SEDI

INFOAREE
LE INFORMAZIONI DALLE AREE
accesso riservato


COMPAGNIA DEGLI AMICI

Il messaggio di Don Nicola Bari 
e il programma della VI festa della Compagnia degli Amici




5X1000
DAI PIU' SPAZIO ALLA SOLIDARIETA':
DONA IL TUO CINQUE PER MILLE AL CENTRO LA TENDA
I SEMINARI DE LA TENDA

I  SEMINARI  de LA TENDA a FIERAVECCHIA


     


ARCHIVIO

       

COOPERATIVE SOCIALI
LINK UTILI
ARCHIVIO NEWS
02/06/2013 - 18:04:16
caosinforma 64: bisogno di lavoro

... il mondo del lavoro è in profonda crisi.  Ma  oggi più che mai il disagio legato alle difficoltà di "trovare lavoro" non è solo un problema occupazionale. Si tratta, invece, di pensare in termini di nuovi modelli di sviluppo, non solo economico,  di nuove forme di organizzazione sociale e lavorative, di professionalità innovative, di flessibilità, creatività e tanto altro ancora....

A questo  tema  caosinforma 64 dedica le sue rubriche, le testimonianze, le proposte e le riflessioni di interlocutori autorevoli attraverso  cui  prova   a rispondere  ad una sempre più forte domanda di lavoro e, dunque,  e di vita.  

... il mondo del lavoro è in profonda crisi.  Ma  oggi più che mai il disagio legato alle difficoltà di "trovare lavoro" non è solo un problema occupazionale.

Infatti non si tratta di aspettare da parte degli "addetti ai lavori" la ricetta giusta. Troppo complessa è la questione, a guardarla bene, per affidarla esclusivamente ai tecnici, per quanto dotati di buona volontà, e per quanto facciano, giustamente, la loro parte. Affrontarlo con le solite categorie rischia di tradursi in un danno peggiore del male di cui si attende la guarigione.
In gioco  non c'è una problematica meramente occupazionale. Si tratta, invece, di pensare in termini di nuovi modelli di sviluppo, non solo economico, e di nuove forme di organizzazione sociale e lavorative, di professionalità innovative, di flessibilità, creatività e tanto altro ancora.
Del resto, l'incontro tra nuovi modelli organizzativi (per quanto indefiniti) e risorse umane può essere una favorevole congiuntura per restituire valore al lavoro e per rivedere l'atteggiamento nei confronti del "momento lavorativo", da parte di tutti: occupati, disoccupati, inoccupati. 
Si tratta, dunque, di cogliere l'occasione per restituire alla dimensione lavorativa quella globale dignità che ad essa compete, al punto da poterla considerare naturalmente integrata in percorsi di crescita personali e sociali e di considerare l'avviamento al lavoro come una delle attività principali per la realizzazione di nuovi "progetti di vita".
Ancora una volta, un disagio da trasformare in risorsa, quindi, perché mai come in questa situazione accettare la sfida del disagio, penetrarne le ragioni, organizzare risposte attive diventa una strada obbligata.
È  necessario, infatti,  ricostituire l'unitarietà del lavoro che comprende a pieno titolo gli atti della ricerca del lavoro, così come la capacità di rendere "prodotto" il "processo" di autopromozione. Un processo che va necessariamente innescato, accompagnato, capito e monitorato per non smarrirne la radice di senso e valorizzarne, anche, le potenzialità in una realtà di mercato.     
Si tratta di fronteggiare il caos, almeno apparente, della realtà sociale, per riconoscersi protagonisti in essa, per coglierne le ricchezze celate, le prospettive inusitate, le necessità inesplorate. 
        Dalla realtà complessa della nostra società, ognuno può infatti ricevere un impulso a radicare le proprie scelte, a crescere su basi più solide, a riscoprire fino in fondo le ragioni, non solo astratte e ideali, della solidarietà.
Una possibile risposta finalizzata ad individuare nuove "professionalità" ci può venire, proprio dal mondo del disagio, o meglio dalle risposte che, nell'approccio con questo volto dolente della società, si sono rivelate valide ed efficaci. Quelle risposte cioè che hanno dimostrato di saper avviare e catalizzare processi esistenziali e lavorativi significativi.  
Infatti i profondi mutamenti sociali, che hanno segnato la diversificazione dei sintomi del malessere giovanile, non hanno trovato impreparate le realtà operative che, a partire dall'esperienza della Comunità Terapeutica, hanno operato l'intervento a sistema aperto, dimostrandosi capaci di interagire con il territorio in un'ottica di collaborazione,  di integrazione delle risorse.
Ed è a queste esperienze che caosinforma intende far riferimento per provare a rispondere, ad un sempre più forte bisogno di lavoro e, dunque,  e di vita. 

Mario Scannapieco