CERCA
FORMAZIONE


scarica la versione in PDF



caosinforma INCONTRA 

Le interviste di caosinforma

scarica la versione in pdf


L'AGENDA  2018 

 DEL CENTRO LA TENDA


scarica la versione in pdf

ABC 17
L'abbecedario di caosinforma 2017 


Scarica la versione in pdf





 www.caosinforma.it


L'abbecedario di caosinforma 2016 


Sfoglia gli altri  caosinforma



UNO SPOT PER VII edizione


GLI SPOT VINCITORI
PREMIO COMPAGNIA DEGLI AMICI 
- AIL  - FILO ROSSO

PREMIO ENRICO GRECO

PREMIO LA SCUOLA 
SAN TOMMASO D'AQUINO CLASSE 2 B - 
NELLA FORZA DI UN P...


il blog



I DATI DEL SERVIZIO ARIANNA

Servizio di orientamento per i detenuti tossicodipendenti in carcere 


AGENDA CAOSINFORMA 2017



caosinforma 107

LA TENDA: una storia dai mille volti





IMMIGRAZIONE

parole e fatti


Il pensiero della sera 

segui caosinforma  su twitter

twitter.com/caosinforma


 segui caosinforma su facebook


segui caosinforma sul blog 

caosinformablog.blogspot.it


AGENDA 

CAOSINFORMA 2016

Scaricala in formato PDF



IL SERVIZIO ULISSE PSICODIAGNOSI E PSICOTERAPIA INTEGRATA




TRACCE  DI INTEGRAZIONE

Esperienze di integrazione del

 Centro La Tenda

LA TENDA E LA COMUNICAZIONE SOCIALE 


Il blog di FIERAVECCHIA FAMIGLIA


presenta

LO SCAFFALE

I prodotti multimediali di caos 


In versione pdf

il Blog de Lo scaffale


  IMMAGINARIAMENTE


Il materiale didattico




CERCA
LE SEDI
LE SEDI

INFOAREE
LE INFORMAZIONI DALLE AREE
accesso riservato


PROGETTO GIOVANI
FIERAVECCHIA IN RIVA AL MARE


CAOSINFORMA GIOVANI 26



LE INIZIATIVE   DEL PROGETTO GIOVANI

ESTATE UTILE A FIERAVECCHIA 2016

I LABORATORI GRATUITI
  scrittura creativa

v. anche caosinforma giovani n.26


LA SETTIMANA DELLO SPORT



CORSO DI DISEGNO 


LEGGI IL REGOLAMENTO E PARTECIPA ANCHE TU!


 FOTOGRAFIA CREATIVA





per info e iscrizioni
  progettogiovani@centrolatenda.it
tel 089228038
La Tenda a Fieravecchia, 
via Fieravecchia,20, Salerno

COMPAGNIA DEGLI AMICI

Il messaggio di Don Nicola Bari 
e il programma della VI festa della Compagnia degli Amici




5X1000
DAI PIU' SPAZIO ALLA SOLIDARIETA':
DONA IL TUO CINQUE PER MILLE AL CENTRO LA TENDA
I SEMINARI DE LA TENDA

I  SEMINARI  de LA TENDA a FIERAVECCHIA


     


ARCHIVIO

       

COOPERATIVE SOCIALI
LINK UTILI
ARCHIVIO NEWS
12/09/2017 - 22:01:11
caosinforma 109

Il tema di questo numero di caosinforma (il 109) riguarda la capacità del "Servant Leader" di delegare le responsabilità ai collaboratori.
È un tema quanto mai pertinente alla fase di sviluppo che stiamo affrontando. Infatti la necessità di favorire lo sviluppo delle Aree, a cui stiamo lavorando, non può prescindere dalla necessità di delegare tale passaggio a “professionalità” capaci di lavorare in gruppo e di interpretare la dinamica dello sviluppo sociale e dello stesso Centro La Tenda.

Come ci ha ricordato il Presidente Nicola Bari durante gli ultimi incontri di formazione, "il Centro si sta sempre più focalizzando sulla promozione e diffusione del modello per Aree (v. l'articolo Aree e strutture, riportato all'interno di questo numero), un modello scelto in quanto più rispondente alle finalità, alle attività e alle dimensioni della sua proposta di sviluppo sociale. Il modello per Aree, infatti, "è quello che maggiormente favorisce il recupero del senso e delle radici del nostro impegno". Il consolidarsi di questo modello, però, richiede il superamento delle strutture operative che ancora caratterizza la fisionomia attuale de La Tenda, o quantomeno, la mentalità degli "operativi", soprattutto di quelli con maggiore esperienza.
In realtà, è proprio della dinamica processuale del nostro Centro dotarsi di una "struttura flessibile" tale da essere sempre al passo con i tempi e capace di rispondere ai bisogni emergenti. La struttura in effetti deve essere funzionale agli obiettivi ed è necessaria la disponibilità a rivederla periodicamente, eventualmente modificandola in funzione del processo in atto. Non si tratta, pertanto, di sostituire qualcosa che non funziona più, ma di "un processo evolutivo per cui ogni passo rappresenta il frutto di quello precedente e il presupposto per quello successivo".
La stessa valutazione del processo punta ad evidenziare la capacità degli "operativi" di collocarsi nel processo in corso ed esserne parte attiva e protagonista, con il proprio contributo unico.
Per definire le caratteristiche della figura professionale più rispondenti a tale "necessità dinamica" bisognerebbe far riferimento, quindi, alla capacità di cogliere il processo in atto e di "stare nel processo" senza subirlo, ma anzi, anticipandolo e guidandolo, in altri termini, ad una professionalità di processo.
"Accompagnare il processo significa, dunque, cogliere le novità ed adattarsi ad esse. La realtà è più forte di ciascuno di noi e, prima o poi, si impone. I cambiamenti (o meglio, i passaggi) non sono il frutto del disegno di qualcuno, ma derivano dalla lettura delle novità." C'è quindi la necessità di definire le specificità di ciascuna Area, che rappresentano il progetto del Centro, per aiutare gli operativi a collocarsi e ad esserne protagonisti.
Delegare le responsabilità ai collaboratori è oggi quanto mai necessario se si vuole garantire un futuro efficace al nostro Centro ma ancor più necessaria è la disponibilità a recepire la delega, sentendosi parte attiva e corresponsabile del Processo di sviluppo del Centro. In quest'ottica, questo numero di caosinforma vuole offrire spunti per riflettere e comprendere meglio il processo in atto, indicare le caratteristiche del Servant Leader funzionali alla delega delle responsabilità ai collaboratori.
E' anche per questo, inoltre, che abbiamo ritenuto utile raccogliere e pubblicare all'interno di questo numero la testimonianza di due sportivi che nella pratica della propria attività hanno maturato una buona esperienza di formatori, e ci hanno dunque potuto riferire, ripercorrendo il loro percorso individuale, il loro modo di intendere e di proporre quella che è la delega della responsabilità all'interno di una compagine sportiva. La loro esperienza è ovviamente significativa anche sul piano umano e sociale, in quanto, per così dire, spendibile al di là della propria specificità.
Si tratta dello skipper Mauro Grandone, ingegnere meccanico, campione di barca a vela per la categoria Dragon agli Europei 2014 e dell'allenatore di calcio giovanile Giuseppe Manicatori, sociologo.
Li ringraziamo, augurandoci che il loro contributo costituisca un modello e uno stimolo per quanti si sentono "mossi" da una passione, e vogliano viverla non solo come un successo personale ma come una spinta al raggiungimento di obiettivi condivisi, e dunque, crediamo, più soddisfacenti e gioiosi.