CERCA
FORMAZIONE


caosinforma 131


Leggi la versione in pdf



L'Agenda 2019 

del Centro La Tenda


scaricala in pdf


L'agenda online del Centro la Tenda 


caosagenda.wordpress.com

Leggi l'introduzione


caosinforma online



Sfoglia gli altri  caosinforma


Scarica  tutti i caosinforma in pdf


 www.caosinforma.it


caosinforma giovani 33



Scarica l'abecedario familiare in PDF


La Tenda  su facebook



caosinforma INCONTRA 

Le interviste di caosinforma

scarica caosinforma incontra  in pdf


L'AGENDA  2018 

 DEL CENTRO LA TENDA


scarica l'agenda 2018 in pdf



GLI SPOT VINCITORI EDIZIONE 2018





PREMIO MIGLIOR SPOT...2018  

Il futuro,  la mia passione  

I RAGAZZI DEL QUARTIERE


PREMIO SPECIALE COMPAGNIA DEGLI AMICI PER LA SOLIDARIETA' 

UN OCCHIO AL FUTURO
3G SABATINI-MENNA



PREMIO SPECIALE ENRICO GRECO PER L'ORIGINALITA' 


CHE COSA RESTA   

 FFG


PREMIO UNO SPOT PER...LA SCUOLA  

Dici che torneremo a guardare il cielo 

 LICEO ALFANO I


il blog



I DATI DEL SERVIZIO ARIANNA

Servizio di orientamento per i detenuti tossicodipendenti in carcere 


LA TENDA: una storia dai mille volti


IMMIGRAZIONE

parole e fatti


Il pensiero della sera 

segui caosinforma  su twitter

twitter.com/caosinforma


 segui caosinforma su facebook


segui caosinforma sul blog 

caosinformablog.blogspot.it



IL SERVIZIO ULISSE PSICODIAGNOSI E PSICOTERAPIA INTEGRATA


TRACCE  DI INTEGRAZIONE

Esperienze di integrazione del

 Centro La Tenda

LA TENDA E LA COMUNICAZIONE SOCIALE 


Il blog di FIERAVECCHIA FAMIGLIA


presenta

LO SCAFFALE

I prodotti multimediali di caos 


In versione pdf

il Blog de Lo scaffale


  IMMAGINARIAMENTE


Il materiale didattico


skype:live:mario.scannapieco_2?call


   

PROGETTO GIOVANI

UNO SPOT PER 
nona edizione


UNO SPOT PER 

nona edizione
leggi il regolamento



caosinforma giovani n.31

FIERAVECCHIA IN RIVA AL MARE


CAOSINFORMA GIOVANI 26



LE INIZIATIVE   DEL PROGETTO GIOVANI

ESTATE UTILE A FIERAVECCHIA 2016

I LABORATORI GRATUITI
  scrittura creativa

v. anche caosinforma giovani n.26


LA SETTIMANA DELLO SPORT



CORSO DI DISEGNO 


LEGGI IL REGOLAMENTO E PARTECIPA ANCHE TU!


 FOTOGRAFIA CREATIVA





per info e iscrizioni
  progettogiovani@centrolatenda.it
tel 089228038
La Tenda a Fieravecchia, 
via Fieravecchia,20, Salerno

CERCA
LE SEDI
LE SEDI

INFOAREE
LE INFORMAZIONI DALLE AREE
accesso riservato


COMPAGNIA DEGLI AMICI

Il messaggio di Don Nicola Bari 
e il programma della VI festa della Compagnia degli Amici




5X1000
DAI PIU' SPAZIO ALLA SOLIDARIETA':
DONA IL TUO CINQUE PER MILLE AL CENTRO LA TENDA
I SEMINARI DE LA TENDA

I  SEMINARI  de LA TENDA a FIERAVECCHIA


     


ARCHIVIO

       

COOPERATIVE SOCIALI
LINK UTILI
ARCHIVIO NEWS
05/11/2014 - 22:46:45
caosinforma 79

Compresso tra una burocrazia ingessante e l'universo dinamico dell'adolescente; ingabbiato in una programmazione disciplinare in cui prevale ancora l'astrattezza del sapere scolastico, calato in condizioni logistiche spesso contrastanti con la modernità tecnologica che supera di gran lunga le mura  spesso fatiscenti delle aule scolastiche; sostanzialmente privo di strumenti efficaci per canalizzare l'esuberanza giovanile, il docente è chiamato a rivedere il suo ruolo e le sue competenze.

Ma parlare di tutto ciò sempre e solo in termini di crisi o di indebolimento del ruolo dell'insegnante non consente, a partire dagli stessi operatori della scuola, di elaborare un modo nuovo di svolgere la professione e di riscoprire un agire di ruolo al contempo impegnativo, ma anche stimolante e ricco di soddisfazioni. 

Di questa opportunità, e di altro ancora, parliamo  nel numero 79 di caosinforma, (disponibile anche nella versione online), con inchieste, riflessioni e uno sguardo alle nuove proposte di riforma della scuola, di formazione del personale docente. Ma anche con la documentazione di concrete attività rivolte al mondo della suola, messe in atto dal nostro Centro.


Pertanto invece di limitarci a dichiarare la fine di un ruolo o la sua presunta insignificanza, è senz'altro più opportuno assumere la "crisi" come occasione di innovatività.In effetti, il dibattito contemporaneo attorno al significato e al destino dei ruoli educativi tradizionali oscilla tra la dichiarazione della fine di questi ruoli e il richiamo continuo alla loro sempre maggiore importanza.

Spesso considerato obsoleto rispetto ad altre fonti o attori molto più forti e convincenti, come per esempio i media (e soprattutto la televisione), o gli studi professionali di medici, psicologi, psicoterapeuti ecc., il ruolo dell'insegnante è senz'altro, oggi, meno ricercato di quanto naturalmente dovrebbe essere.

In effetti, a ben guardare, la formazione proposta da educatori, naturali e professionali, dovrebbe essere la risposta primaria per prevenire i mali del corpo e dello spirito dei nostri giovani, ben più delle farmacie e degli studi degli psicoterapeuti. e se questo non avviene vuol dire che qualcosa non va. A partire dal modo in cui il ruolo del docente è esercitato, vissuto, percepito.

Tuttavia, come ci suggerisce Elena Besozzi. (Docente di Sociologia dell'educazione, Università Cattolica del S.Cuore di Milano) "concentrarsi sulla crisi di ruolo dell'insegnante, appare del tutto fuorviante, non solo perché conduce a un evidente impoverimento delle opportunità e possibilità educative - necessarie in qualsiasi società- ma anche perché non consente di cogliere i profondi cambia-menti dei ruoli educativi e delle condizioni alla luce delle quali si realizzano i processi di crescita delle nuove generazioni".

Cambiare la concezione della crisi nell'esperienza dell'insegnante significa considerarla, invece, quale elemento permanente, quasi costitutivo, del suo ruolo proprio perché esso si configura, oggi più che mai, come "ruolo di frontiera".

In sostanza, il ruolo dell'insegnante non può più essere considerato semplicemente come esecutivo di un mandato sociale esterno, che ne definisce funzioni e compiti e ne stabilisce l'autorevolezza e il prestigio; piuttosto, esso si gioca all'interno di una continua e rapida trasformazione sociale e culturale. E ciò richiede una raffinata capacità di lettura della situazione e delle condizioni dell'educabilità delle nuove generazioni; un ruolo quindi non più basato semplicemente su certezze e protezioni (la materia

insegnata, le competenze disciplinari, l'apparato amministrativo- burocratico, ecc.), bensì sulla fluidità del quadro valoriale e normativo e sulla continua revisione del sapere e delle conoscenze scientifiche.

In effetti, i cambiamenti relativi alle modalità e condizioni dell'agire di ruolo del docente, così come dei suoi saperi, delle sue conoscenze, delle sue competenze e delle sue capacità relazionali, non sono assolutamente disgiunti dalla realtà sociale e culturale in cui si realizza tale ruolo.

Il rapporto educazione-società va quindi riaffermato e riproposto come una preziosa peculiarità per promuovere una efficace comunicazione tra ambiti, contesti e generazioni diverse per sviluppare sempre nuove conoscenze, informazioni, proposte.

Di questa opportunità, e di altro ancora, parliamo in questo numero dedicato alla giornata mondiale dell'insegnate che ricorre nel mese di ottobre, con inchieste, riflessioni e uno sguardo alle nuove proposte di riforma della scuola, di formazione del personale docente. Ma anche con la documentazione di concrete attività rivolte al mondo della suola, messe in atto dal nostro Centro.